history_of_italianVi siete mai chiesti come è nata la lingua italiana? In questo post cercherò di spiegarvelo brevemente.

Have you ever wondered how the Italian language was born? In this post I will try to briefly tell you about it.

 

Latino classico e latino volgare

Tutti voi sapete che l’italiano è una lingua romanza, come il francese e lo spagnolo. Tutte le lingue romanze provengono dal latino, ed è il latino che è alla base della lingua italiana.

You all know that Italian is a romance language, like French and Spanish. All romance languages derive from Latin, and it’s Latin which is the basis for the Italian language.

Ma al tempo dell’antica Roma c’erano due tipi di latino: il latino classico, letterario e il latino volgare, parlato dal popolo. E’ proprio il latino volgare che diede origine all’italiano.

But in the Roman times there were two types of Latin: classical, literary Latin and vulgar Latin, spoken by the people. It is precisely vulgar Latin that gave birth to Italian.

Qualche esempio? La parola “cavallo” viene dal latino volgare “caballus“, invece la parola “equino“, aggettivo che si riferisce al cavallo, deriva dal latino classico “equus“.

For example, the word “cavallo” (=horse) derives from Vulgar Latin “caballus”, whereas the word “equino”, an adjective referring to a horse, comes from Classical Latin “equus”.

animals,creatures,farms,galloping,gallops,horses,mammals,nature,runners,running,web animations,web elements

caballus –> “cavallo” (=horse)

equus –> “equino”(=horse[adjective])

L’italiano volgare

Dal latino volgare pian piano si evolvette l’italiano volgare, sempre più utilizzato anche in letteratura (dal XII secolo). Infatti, in quest’epoca compaiono le prime attestazioni.

From Vulgar Latin gradually evolved vulgar Italian, which was increasingly used in literature (from 1200 AD onwards). As a matter of fact, in that period of time the first documents written in this language appeared.

L’italiano di Petrarca e Boccaccio

Nel Cinquecento le opere di Petrarca e Boccaccio si affermano come modelli di lingua italiana. Da quel momento in poi, la letteratura seguirà questi modelli. E nel resto d’Italia, invece, si consolidavano i vari dialetti locali parlati.

In the sixteenth century the works of Petrarca and Boccacio established themselves as models for the Italian language. From that moment onwards, literature will follow those models. Meanwhile, in the rest of Italy, spoken local dialects became stronger.

L’italiano moderno

Allora come si è formato l’italiano moderno? L’italiano letterario di Petrarca e Boccaccio fece fatica ad imporsi sui dialetti locali dopo l’unità d’Italia nel 1861. Per fortuna, la televisione e i mezzi di comunicazione di massa contribuirono all’italianizzazione del popolo l’italiano.

Then how did modern Italian take shape? Petrarca and Boccacio’s literary Italian struggled to impose itself on local dialects after the Italian unification in 1861. Luckily, television and mass media contributed to the italianization of the Italian people.

communications,home electronics,households,media,static,televisions,TVs,web animations

 

 

So you’re telling me that television helped 

spreading the Italian language?

Yes, it did.

Lascia i tuoi commenti e pensieri qui sotto. A presto!

Leave your comments and thoughts below. See you soon!

Share →

3 Responses to A short history of the Italian language

  1. mi sonno piacciuto dí piu,adesso mi puo mandarre,tutti que io posonno imparare,d´gli Italianno,GRAZZI MILLE..

  2. Alexey says:

    Qual sono i differenzi principiali tra i daletti? Sono grammaticale o lexicale o altri?

    • Serena says:

      Ciao Alexey, le differenze principali tra i dialetti italiani sono sia grammaticali che lessicali. Anche l’accento cambia. E’ come se fossero lingue diverse, infatti spesso è difficile capire un dialetto se non si è nati nella zona dove lo si parla :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


− 4 = 3

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>